Il Porto di Valencia migliora il suo impatto ambientale

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Grande soddisfazione per la dirigenza del Porto di Valencia che ha portato a termine nel 2019,  tutti gli obiettivi previsti dal protocollo Ecoport II. Il programma era stato pensato per migliorare lo stato dell’impatto ambientale degli scali di Valencia, Sagunto e Gandia. Ora si pensa a migliorare nel 2020, benché la grave crisi innescata dall’epidemia del coronavirus.

Una veduta aerea del Porto di Valencia che ha partecipato a un progetto per ridurre lìimpatto ambientale delle navi da crociera passeggeri e da trasporto merci.

Fondamentale è stato il contributo delle compagnie marittime che, in modo volontario, hanno preso parte al progetto di ecosostenibilità. Cinque imprese di trasporto marittimo hanno aumentato del 9% il volume dei rifiuti riciclati,arrivando a 800 chilogrammi in più, mentre sei compagnie si sono impegnate nel ridurre il consumo di acqua fino al 17%, circa 1.500 litri. Sono tredici, invece,  le compagnie di navigazione che hanno messo in atto provvedimenti per abbattere dell’1% il consumo di carburante, raggiungendo a fine anno un risparmio su questo del 19%, mentre quindici compagnie hanno lavorato per ridurre il consumo elettrico del 9.5%.

Grazie al progetto due imprese di navigazione hanno scelto di aumentare l’uso delle fonti alternative di energia, raggiungendo il 50% dell’obiettivo. In totale sono diciotto le compagnie che hanno partecipato al progetto di ecosostenibilità dell’autorità portuale di Valencia. Il 70% degli impiegati delle aziende di trasporto marittimo coinvolte hanno permesso ai loro dipendenti di frequentare corsi di formazione per migliorare l’impatto ambientale delle navi.