I conti del Governo Sánchez non fotografano la crisi reale

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Al Governo di Pedro Sánchez e Pablo Iglesias sembrano tornare i conti che, invece,  agli analisti non tornano. Forse è un eccesso di ottimismo, ma la stima del buco fiscale che la crisi del coronavirus si lascerà alle spalle è molto ben peggiore di quanto Madrid dice.

La combinazione di deficit elevato e di debito pubblico costringerà ad adottare adeguamenti di bilancio prima o poi, con o senza un piano di salvataggio europeo, poiché, altrimenti, lo Stato avrà serie difficoltà a finanziare il suo enorme volume di spesa.

I conti pubblici previsti dal ministro delle Finanze, María Jesús Montero, non sono conformi alla realtà. Con una recessione prevista del 9,2% e un tasso di disoccupazione del 19% nel 2020, il Governo ritiene che il disavanzo pubblico chiuderà l’anno al 10,3% del Pil, mentre il debito pubblico salirà al 115,5% .

Tuttavia, il programma di stabilità che è stato appena inviato a Bruxelles non include un’analisi dell’evoluzione del bilancio nel 2021. Madrid sottolinea semplicemente che gli aumenti delle tasse e la ripresa economica consentiranno di ridurre nuovamente il disavanzo pubblico, ma senza fornire dati concreti sulla questione.

La strategia del Governo si concentra sulla richiesta di un salvataggio incondizionato da Bruxelles mediante trasferimenti non rimborsabili per coprire i costi sanitari e finanziari associati al coronavirus, in modo che non debba restituire i soldi, ma, per il momento, ha ricevuto un “no” per risposta. Pertanto, andare al Fondo europeo di salvataggio (Mede) comporterebbe una serie di condizioni, tra cui la necessità di ridurre la spesa pubblica per iniziare a riequilibrare i conti.

Il PSOE è ben consapevole del fatto che qualsiasi taglio al pubblico provocherebbe un grave conflitto con Podemos, il suo alleato al Governo.Anche nel caso in cui non si ricorra al salvataggio di Bruxelles, il deficit che la Spagna registrerà è di dimensioni tali che, in un modo o nell’altro, richiederà adeguamenti per sostenere la sostenibilità delle finanze statali, poiché anche aumentare il gettito fiscale, sarà insufficiente.

Esistono già tre rapporti che puntano in tale direzione. Il primo proviene da AIReF: calcola che a partire da un calo del Pil compreso tra l’8,7% e il 12,8% nel 2020, mostra che il disavanzo potrebbe attestarsi al 13,8%, circa 3,5 punti percentuali sopra le previsioni del Tesoro.

E la chiave è che questa deviazione non risponde tanto all’aumento della spesa quanto al collasso del reddito.Pertanto, mentre il governo calcola che la raccolta diminuirà del 5,3% rispetto al 2019, l’equivalente di circa 25.000 milioni di euro, AIReF ritiene che la diminuzione oscillerà tra il 7,9% e l’11,5%, ovvero fino a 56.000 milioni. In altre parole, il reddito dello Stato sarà tra i 12.000 e i 30.000 milioni di euro in meno di quanto stimato ufficialmente dal Tesoro. E il problema è che una riduzione di queste caratteristiche non sarà recuperata aumentando la tassazione.

La Foundation for Applied Economics Studies (Fedea) concorda sulla diagnosi. Prendendo come riferimento la recessione prevista dal governo (-9,2%), la raccolta diminuirebbe di circa 40.000 milioni di euro, circa 15.000 milioni in più di quanto calcola il ministero del Fiananze spagnolo. Ma è che, poco dopo il ritardo della ripresa fino a dicembre, il Pil scenderà del 12% e il reddito diminuirà di 60.000 milioni rispetto al 2019, circa 35.000 milioni in più di quanto calcola il Tesoro.

E lo stesso succede se si osserva l’ultimo osservatorio fiscale BBVA Research, poiché i suoi esperti concordano anche sul fatto che le entrate diminuiranno di circa 60.000 milioni di euro nel 2020, l’11% su base annua rispetto al 5% stimato dalla ministra  Montero.
A prescindere dal disavanzo pubblico maggiore o minore registrato dalla Spagna, in ogni caso superiore al 10% del Pil, il collasso della raccolta, molto più grave e intenso di quanto ammesso dall’esecutivo, ostacolerà notevolmente la riduzione ingiustificabile del disavanzo 2021 se non vengono applicati adeguamenti strutturali dal lato della spesa. Inoltre, l’aumento delle tasse che Sánchez e Iglesias stanno prendendo in considerazione, non solo non riuscirà a recuperare le entrate perse, ma ostacolerà anche la crescita e la creazione di posti di lavoro.

In breve, con un buco fiscale a due cifre, un forte calo della riscossione delle tasse e un aumento record del debito pubblico a livello globale nel 2020, vicino a 8 trilioni di dollari, secondo il Fondo monetario internazionale (FMI), i tagli alla spesa saranno inutili per evitare una nuova crisi sovrana, indipendentemente dal fatto che vi sia o meno un salvataggio da parte dell’Europa.